Il territorio bacolese affaccia sul mar Mediteraneo e comprende cinque frazioni: Miseno, Baia, Cappella, Fusaro e Bacoli che è il centro amministrativo e ospita gli uffici comunali e la caserma dei Carabinieri Lo stemma comunale presenta una nave Greca e una colomba  al ricordo del mito della fondazione della polis di Cuma.

Secondo il mito Apollo avrebbe mandato una colomba  a guida dell’esercito fino al promontorio di Cuma

 Il territorio è  ricco di bellezze naturali, perché oltre alle coste, molto frequentate dai turisti  e molto utili ai residenti per le attività di pesca,

possiede la meravigliosa collina di Miseno che chiude col suo promontorio il golfo di Napoli,la collina di via Bellavista molto ricca d fumarole di origine vulcanica, la collina del Monte di Procida e in oltre i laghi del Fusaro,del mar Morto , di Lucrino e il lago d’ Averno.

In questi laghi c’è un fiorente allevamento di pesci e mitili venduti in tutto il sud oltre la pratica di alcuni sports come la canoa.

Il territorio è prevalentemente collinare  con roccia di tufo giallo di origine vulcanica.Per questo motivo l’agricoltura è quasi inesistente fatta di piccoli orti destinati all’ autoconsumo;si coltivano comunque agrumi, viti , ortaggi.

 La costa è prevalentemente bassa e rocciosa con piccole  insenature sabbiose tipo la spiaggia del Fusaro e di Miseno che nei mesi estivi attirano numerosi bagnanti perché il mare è ancora mediamente pulito .

Il clima è di tipo mediterraneo, con inverni brevi e miti ed estati lunghe ed afose.

La flora prevalente è quella della macchia mediterranea:querce ,pini, ginestre…Per quanto riguarda la fauna,oltre alle specie di uccelli migratori ci sono numerose  colonie di gabbiani e poche volpi nei boschi dei fondi di Baia.

.

Il turismo culturale, malgrado i numerosi reperti archeologici disseminati ovunque nel Comune e la presenza del museo archeologico di Baia,stenta a svilupparsi.